Cipolla

Tita Ruggeri

Sabato 18 novembre ore 21
Teatro Alice Zeppilli
Piazza A. Costa, 17
Pieve di Cento (BO)

Tita Ruggeri sfoglia Wislawa Szymborska
ideazione e regia Corinna Rinaldi e Tita Ruggeri
musiche a cura Marco Ignoti
costumi Maison Lavinia Turra
luci Costantino Porqueddu
hair e make up Canè i Parrucchieri
in collaborazione con il prof. Andrea Ceccherelli, Presidente del Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna

Con il patrocinio di Fondazione Wisława Szymborska

Tita Ruggeri

Ad alcuni piace la poesia, ad alcuni – cioè non a tutti… è l’inizio di una delle tante poesie di Wislawa Szymborska, che compongono il testo di Cipolla, lettura teatrale di poesie brevi scritti della poetessa polacca alla quale, nel 1996, venne conferito il premio Nobel.
È vero che la poesia non piace a tutti, ma poesie come quelle di Wislawa Szymborska viene voglia di farle conoscere a tutti. Da qui la decisione di farne uno spettacolo. Scoprire il significato delle cose. Arrivare al cuore. Abbandonare il provvisorio per rivelare il profondo. Senza paroloni, anzi con semplicità, ironia e anche divertimento. Cipolla è il titolo sia dello spettacolo che di una sua poesia, e sull’immagine della cipolla, si sviluppa la messa in scena. Tita indossa un costume stratificato che viene via via alleggerito, come se si togliesse la corazza, per alleggerirsi di quegli strati e strati di protezione che tutti tendiamo a indossare e che coprono coerentemente l’invisibile.

Abbiamo ricevuto la tua richiesta!

Grazie per l’interesse

Ti contatteremo per fornirti le informazioni per partecipare a La parola soffiata!

Avvia chat Whatsapp
1
Vuoi prenotare uno dei nostri spettacoli?
Hai bisogno di informazioni sulla Stagione Agorà?