A colpi d’ascia – un’irritazione

Marco Sgrosso

Venerdì 25 settembre ore 21
Parco delle sculture Bolzani Zamboni
Punto di ritrovo davanti al Teatro La Casa del Popolo
Castello d’Argile (BO)

di Thomas Bernhard
traduzione Agnese Grieco e Renata Colorni
riduzione drammaturgica, mise en espace e interpretazione Marco Sgrosso
musiche di Cristiano Arcelli sassofoni, flauto e clarinetto basso
luci e suono Roberto Passuti
un ringraziamento ad Elena Bucci per la sua preziosa voce
stazione prima: una lettura

Prenotazione obbligatoria
Marco Sgrosso ph. Aleksandra Pawloff

Per la prima volta Marco Sgrosso legge A colpi d’ascia – un’irritazione, riduzione dal romanzo di Thomas Bernhard tra i più fulminanti autori austriaci, prima tappa di un nuovo progetto dedicato all’autore. Immersi nel verde e tra le sculture che incantano il giardino, A colpi d’ascia è allestito nella meravigliosa e inedita location dell’Atelier degli scultori Nicola Zamboni e Sara Bolzani che viene eccezionalmente aperta per ospitare lo spettacolo.


“Folgorato dallo stile fulmineo della scrittura di Bernhard, dall’intreccio di reiterazioni e assonanze che rendono i suoi testi simili a partiture musicali, l’idea di lavorare su questo romanzo mi seduce da tempo per il fascino del narratore, uomo tormentato e aggressivo, simile a un animale braccato (…) Con spietata ironia, Bernhard scandaglia miserie, vizi e ipocrisie dell’ambiente artistico. Senza sconti per nessuno, letteralmente ‘a colpi d’ascia’, disegna implacabili ritratti di attori, musicisti, scrittori e intellettuali riuniti nell’atroce mondanità di una “cena artistica”, dove falsità, invidie, arroganze e meschinità affiorano senza pudore e il suicidio di un’amica comune diventa palcoscenico di ridicole vanità”.

Marco Sgrosso

Prenotazione Obbligatoria

INFO E PRENOTAZIONI

Dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13
Telefono, WhatsApp e SMS: 333.8839450 | email: biglietteria.teatri@renogalliera.it

Avvia chat Whatsapp
1
Vuoi prenotare uno dei nostri spettacoli?
Hai bisogno di informazioni sulla Stagione Agorà?